Qualità dell'aria UNEP

La situazione del PM2,5 a livello globale

Qualche tempo fa lAgenzia Europea per l’Ambiente ha pubblicato una mappa visuale con i dati del PM2,5 in oltre 300 città europee, nelle quali vivono oltre 117 milioni di persone.

L’EEA pubblica anche un visualizzatore dell’indice europeo della qualità dell’aria. L’indice presenta informazioni sulla qualità dell’aria negli ultimi due giorni e una previsione di 24 ore, insieme a raccomandazioni sulla salute per un’esposizione a breve termine all’inquinamento atmosferico. Esso copre anche una più ampia gamma di inquinanti atmosferici, tra cui particolato, biossido di azoto, anidride solforosa e ozono.

Ora l’UNEP, l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’ambiente pubblica il rapporto sulla qualità dell’aria, presentato anche il quadro globale della situazione per questo inquinante particolarmente insidioso. Infatti si tratta delle particelle più pericolose (di dimensioni fino a 2,5 micron), che possono includere qualsiasi cosa, dalla fuliggine ai solfati, che possono danneggiare i nostri polmoni, cuori e cervelli e causare una serie di altri problemi di salute.

L’UNEP sottolinea come l’inquinamento atmosferico sia la più grande minaccia ambientale per la salute pubblica a livello mondiale e rappresenta circa 7 milioni di morti premature ogni anno. L’inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico sono strettamente collegati in quanto tutti i principali inquinanti hanno un impatto sul clima e la maggior parte condivide le fonti comuni con i gas a effetto serra.

Migliorare la qualità dell’aria porterà alla salute, a un maggiore sviluppo netto e a benefici ambientali, oltre a mitigare i cambiamenti climatici.

Il cruscotto dell’UNEP mostra lo stato globale dell’inquinamento atmosferico, le principali fonti, l’impatto sulla salute umana e gli sforzi nazionali per affrontare questo problema critico. Secondo l’UNEP nove persone su dieci nel mondo respirano aria contenente livelli di inquinanti che superano i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. D’altra parte secondo SNPA, nel 2020 in Italia, in 230 punti di campionamento su 296, la media annuale PER IL pm2,5 è stata superiore al valore raccomandato dall’OMS.

Anche se l’inquinamento atmosferico è un problema globale, colpisce in modo sproporzionato coloro che vivono nei paesi in via di sviluppo e in particolare i più vulnerabili, come donne e bambini.

Le particelle sottili che inquinano la nostra aria provengono per lo più da attività umane come la combustione di combustibili fossili per generare elettricità e trasporti, combustione dei rifiuti, agricoltura e le industrie chimiche e minerarie.

Le fonti naturali includono eruzioni vulcaniche, spruzzi marini, polvere di terreno e fulmini. L’agricoltura è anche una delle principali fonti di metano e ammoniaca, che portano allo sviluppo dell’ozono troposferico. N

ei paesi in via di sviluppo, la dipendenza dal legno e da altri combustibili solidi, come il carbone grezzo per la cottura e il riscaldamento, e l’uso del cherosene per l’illuminazione, aumenta l’inquinamento atmosferico nelle abitazioni. L’inquinamento atmosferico domestico è anche una grande fonte di inquinamento atmosferico all’aperto in molti paesi.

L’inquinamento atmosferico è un grave problema sanitario globale e causa una morte su nove in tutto il mondo.

L’esposizione al PM2,5 ha ridotto l’aspettativa di vita media globale di circa un anno nel 2016. Le malattie più letali legate all’inquinamento atmosferico PM2,5 sono ictus, malattie cardiache, malattie polmonari e cancro.

Alti livelli di particelle sottili contribuiscono anche ad altre malattie, come il diabete, e sono stati associati con il deterioramento dello sviluppo cognitivo nei bambini e aggravando i problemi di salute mentale.

Il rapporto dell’UNEP sulla qualità dell’aria ha rilevato progressi in tutti i principali settori inquinanti negli ultimi cinque anni, ma ha rilevato notevoli lacune nell’attuazione, nel finanziamento, nella capacità e nel monitoraggio della qualità dell’aria.

Le misure politiche creano un quadro per il miglioramento a lungo termine della qualità dell’aria, ma possono richiedere tempo per mostrare i risultati.

Nelle zone più inquinate potrebbero essere necessarie anche altre misure, come i divieti di circolazione o la chiusura di strade. I paesi sviluppati hanno notevolmente migliorato la qualità dell’aria negli ultimi anni, ma molti paesi in via di sviluppo, ancora dipendenti dal legno e da altri combustibili solidi per la cottura e il riscaldamento, sono in ritardo.

Hanno bisogno di sostegno e orientamento per accedere a conoscenze, strumenti e risorse per migliorare la qualità dell’aria.

L’UNEP sottolinea che i governi devono dare priorità alle politiche che gettano le basi per una ripresa verde e inclusiva. Ciò non sarà possibile senza affrontare l’inquinamento atmosferico. I paesi devono collaborare in materia di trasporti sostenibili, produzione e utilizzo di energia rinnovabile e gestione dei rifiuti. Le imprese devono innovare e noi tutti dobbiamo ridurre la nostra impronta di carbonio.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: