Agenzia Europea per l'Ambiente - EEA Ambiente e salute Qualità dell'aria

La stragrande maggioranza della popolazione delle aree urbane europee rimane esposta a livelli pericolosi di inquinamento atmosferico

Il 96% della popolazione urbana europea è stata esposta al particolato fine al di sopra dei valori da non superare per salvaguardare la salute indicati dalle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), secondo l’ultima valutazione annuale della qualità dell’aria dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA). Il dettaglio dei dati per i principali inquinanti.

[nell’immagine iniziale quota della popolazione urbana dell’UE esposta nel 2020 a concentrazioni di inquinanti atmosferici superiori agli standard UE e alle linee guida dell’OMS]

Il documento dell’EEA presenta gli ultimi dati ufficiali per il 2020, e i dati provvisori per il 2021, sulle concentrazioni dei principali inquinanti atmosferici misurati in oltre 4.500 stazioni di monitoraggio in 37 paesi europei. L’analisi si concentra sugli inquinanti più nocivi per la salute umana, tra cui il particolato (PM2.5, PM10), il biossido di azoto (NO2) l’ozono (O3) e il benzo[a]pirene, e valuta le concentrazioni in base alle norme UE sulla qualità dell’aria e alle linee guida dell’OMS sulla qualità dell’aria.

L’inquinamento atmosferico è il principale rischio ambientale per la salute in Europa e causa malattie cardiovascolari e respiratorie che portano alla perdita di anni di vita e, nei casi più gravi, alla morte prematura.

E’ necessario adeguare i limiti normativi, avvicinandoli ai valori raccomandati dall’OMS

La valutazione svolta dall’EEA mostra che il superamento degli standard di qualità dell’aria è comune in tutta l’UE, con concentrazioni ben al di sopra delle ultime raccomandazioni dell’OMS (Linee guida 2021).

Nonostante le riduzioni delle emissioni, nel 2020 la maggior parte della popolazione urbana dell’UE è stata esposta a livelli di inquinanti atmosferici fondamentali dannosi per la salute. Il 96% della popolazione urbana è stata esposta a concentrazioni di particolato fine (PM2.5) al di sopra del valore indicato dalle linea guida dell’OMS di 5 µg/m3. Meno dell’1% della popolazione urbana è stata esposta a concentrazioni di PM2,5 al di sopra del valore limite annuale dell’UE di 25 µg/m3, evidenziando la discrepanza tra le attuali norme dell’UE e le prove scientifiche su quando si verificano effetti sulla salute.

La Commissione europea ha avviato una revisione delle direttive sulla qualità dell’aria ambiente, con l’obiettivo, tra l’altro, di allineare maggiormente gli standard di qualità dell’aria alle raccomandazioni dell’OMS. Parallelamente, sono previsti requisiti più severi per affrontare l’inquinamento atmosferico alla fonte, come l’inquinamento dovuto all’agricoltura, all’industria, ai trasporti, agli edifici e all’approvvigionamento energetico.

I dati mostrano che le misure introdotte nel 2020 per fermare o ridurre al minimo la diffusione di COVID-19 hanno portato a una riduzione dell’attività nei settori del trasporto stradale, dell’aviazione e della navigazione internazionale, che a sua volta ha portato a una diminuzione delle emissioni di inquinanti atmosferici. Il livello della produzione agricola è rimasto più o meno costante. Le emissioni prodotte dal riscaldamento domestico sono leggermente aumentate quando le persone sono rimaste a casa. L’effetto complessivo sulle concentrazioni varia a seconda dell’inquinante.

Particolato PM10

PM10 è il particolato con un diametro di 10 µm o meno. Le PM10 sono emesse principalmente dalla combustione di combustibili per il riscaldamento domestico, mentre anche le attività industriali, l’agricoltura e il trasporto stradale sono fonti importanti. Alcuni provengono anche da fonti naturali come il sale marino o la polvere sahariana e alcuni si formano nell’atmosfera dalla combinazione di diversi gas.

In Italia e in alcuni paesi del l’Europa orientale si osservano superamenti del valore limite giornaliero UE per il PM10. Nella maggior parte dei paesi dell’Europa centrale e orientale, i combustibili solidi come il carbone sono ampiamente utilizzati per il riscaldamento domestico e in alcuni impianti industriali e centrali elettriche. La Pianura Padana, nell’Italia settentrionale, è un’area densamente popolata e industrializzata con specifiche condizioni meteorologiche e geografiche che favoriscono l’accumulo di inquinanti atmosferici nell’atmosfera.

L’impatto delle misure di blocco per il COVID-19 sul livello medio annuo di PM10 è stato limitato e non superiore a una riduzione mediana del 4% su tutte le stazioni. Ciò può essere avvenuto perché l’aumento delle emissioni prodotte dal riscaldamento residenziale ha compensato la riduzione delle emissioni in altri settori. Mentre le diminuzioni delle concentrazioni medie annue di PM10 sono state misurate prevalentemente nelle stazioni di traffico, alcune altre stazioni di monitoraggio hanno misurato un netto aumento.

Particolato PM2,5

PM2.5 è il particolato con un diametro di 2,5 µm o meno. Queste particelle sono emesse principalmente dalla combustione di combustibili per il riscaldamento domestico, le attività industriali e il trasporto stradale. Come con PM10, possono anche venire dalle fonti naturali e possono essere formate nell’atmosfera. Le emissioni agricole di ammoniaca contribuiscono in modo significativo alla formazione di particolato nell’atmosfera.

Le concentrazioni più elevate di PM2,5 sono state osservate nell’Italia settentrionale e in alcuni paesi dell’Europa orientale. Per quanto riguarda il PM2,5 così come per il PM10, l’uso di combustibili solidi è la ragione principale della situazione nell’Europa centrale e orientale, insieme a un vecchio parco veicoli. Nel nord Italia, le alte concentrazioni sono dovute alla combinazione di un’alta densità di emissioni antropiche e di condizioni meteorologiche e geografiche che favoriscono l’accumulo di inquinanti atmosferici nell’atmosfera.

L’impatto delle misure di blocco per il COVID-19 sul livello medio annuo di PM2.5 è stato limitato e non superiore a una riduzione mediana del 5% su tutte le stazioni. La diminuzione media delle concentrazioni è stata maggiore nelle stazioni di controllo del traffico rispetto alle stazioni di fondo urbane e rurali. L’aumento delle emissioni dovute al riscaldamento residenziale potrebbe aver compensato riduzioni in altri settori.

Biossido di azoto NO2

La principale fonte di biossido di azoto (NO2) è il trasporto stradale, che emette NO2 in prossimità del suolo, soprattutto nelle zone densamente popolate, contribuendo all’esposizione della popolazione. Altre fonti importanti sono i processi di combustione nell’industria e nell’approvvigionamento energetico.

Le concentrazioni più elevate sono state riscontrate in tutta Europa nelle città più grandi con un elevato volume di traffico.

L’impatto delle misure di blocco relative alla COVID-19 durante il 2020 è chiaramente visibile per questo inquinante atmosferico, poiché la sua principale fonte – il trasporto su strada – è stata significativamente ridotta. Nei dieci Stati membri del l’UE più colpiti dalla prima ondata di blocchi, la riduzione media annua delle concentrazioni medie di NO2 variava dal 10% al 19%. In Francia, Italia e Spagna, i livelli medi di NO2 sono diminuiti di ben il 25% nelle grandi città e del 17% nelle zone rurali.

Queste riduzioni, stimate per tutto l’anno, sono inferiori a quelle osservate nell’aprile 2020 durante il primo blocco. Nei paesi in cui le misure di blocco erano più severe, le concentrazioni mensili sono diminuite fino al 70% nelle stazioni di traffico.

Ozono O3

L’ozono (O3) è un inquinante che si forma nell’atmosfera quando il calore e la luce provocano reazioni chimiche tra gli ossidi di azoto e i composti organici volatili (COV), incluso il metano. Le emissioni di questi gas provengono da fonti antropiche e, nel caso dei COV, anche biogeniche. L’ozono è anche trasportato in Europa da altre parti dell’emisfero settentrionale e dall’atmosfera superiore. La meteorologia svolge un ruolo importante nella formazione dell’inquinamento atmosferico e nella variazione interannuale delle concentrazioni, e questo effetto è particolarmente significativo per l’ozono.

Le concentrazioni più elevate nel 2020 sono state riscontrate nelle parti centrali dell’Europa, in alcuni paesi del Mediterraneo e in Portogallo. Nonostante il 2020 sia stato l’anno più caldo mai registrato in Europa, i livelli di ozono sono stati inferiori rispetto agli anni precedenti.

Due fattori possono aver svolto un ruolo in questo senso. In primo luogo, le temperature elevate sono state registrate in inverno e in autunno, quando la formazione di ozono è meno intensa. In secondo luogo, le emissioni dei precursori dell’ozono, in particolare l’NO2, sono diminuite durante i blocchi della COVID-19.

Benzo(a)pirene

Il benzo[a]pirene (BaP) è un inquinante cancerogeno emesso principalmente dalla combustione di carbone e legno per riscaldamento e, in misura minore, dalla combustione di rifiuti agricoli.

Le concentrazioni più elevate sono state riscontrate nell’Europa orientale, dove è diffuso l’uso del carbone e di altri combustibili solidi per il riscaldamento residenziale.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: