Agenzia Europea per l'Ambiente - EEA Ambiente e salute Qualità dell'aria

L’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute in Europa nel 2019

L’inquinamento atmosferico ha continuato a causare un significativo carico di morte prematura e malattie in Europa nel 2019. Un’analisi dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA), mostra che il miglioramento della qualità dell’aria ai livelli recentemente raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) potrebbe prevenire più della metà dei decessi prematuri causati dall’esposizione a particolato fine.

L’inquinamento atmosferico è una delle principali cause di morte prematura e di malattie ed è il più grande rischio ambientale per la salute in Europa. Malattie cardiache e ictus sono le cause più comuni di decessi prematuri attribuibili all’inquinamento atmosferico, seguiti da malattie polmonari e cancro ai polmoni.

L’aggiornamento dell’EEA sull’impatto dell’inquinamento atmosferico nel 2019 stima i potenziali benefici per la salute derivanti dal raggiungimento degli standard di qualità dell’aria dell’UE e dei valori guida dell’OMS per le particelle sottili nell’aria ambiente. Valuta inoltre i progressi compiuti verso l’obiettivo sanitario del piano d’azione dell’UE per l’inquinamento zero. Infine, presenta le ultime stime degli impatti sulla salute dell’esposizione ai seguenti inquinanti atmosferici chiave: particolato fine, biossido di azoto e ozono.

Nel 2021, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pubblicato nuove linee guida sulla qualità dell’aria, aggiornando le linee guida sulla qualità dell’aria del 2005 sulla base di una revisione sistematica delle ultime prove scientifiche di come l’inquinamento atmosferico danneggia la salute umana.

Secondo l’EEA, nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha continuato a provocare un significativo carico di morte prematura e malattie nei 27 Stati membri dell’UE: 307.000 decessi prematuri sono stati attribuiti all’esposizione cronica a particolato fine; 40.400 decessi prematuri sono stati attribuiti all’esposizione cronica al biossido di azoto; 16.800 decessi prematuri sono stati attribuiti all’esposizione acuta all’ozono. Le morti premature attribuite all’inquinamento atmosferico sono diminuite nel 2019 rispetto al 2018.

Rispettare gli standard UE e i livelli orientativi dell’OMS per le particelle sottili (PM2.5) nell’aria ambiente in tutta l’UE-27 nel 2019 avrebbe prodotto diversi potenziali benefici. Il raggiungimento dell’attuale valore limite annuale dell’UE per il PM2,5 di 25 µg/m3 avrebbe lasciato invariati i decessi prematuri nel 2019; l’obiettivo dell’OMS per il PM2,5 di 10 µg/m3 (linea guida OMS 2005) avrebbe ridotto di almeno il 21% i decessi prematuri correlati; e la nuova direttiva 2021 dell’OMS sulla qualità dell’aria per il PM2,5 di 5 µg/m3 avrebbe ridotto le morti premature correlate di almeno il 58%.

L’obiettivo del piano d’azione per l’inquinamento zero è ridurre il numero di decessi prematuri dovuti all’esposizione al particolato fine del 55% entro il 2030, rispetto al 2005. Sulla base della stima di 456.000 decessi prematuri attribuibili al particolato fine nel 2005, ciò equivarrebbe a ridurre di 250.800 il numero di decessi prematuri nell’UE.Rispetto al 2005, nel 2019 i decessi prematuri attribuiti all’esposizione a particolato fine sono diminuiti del 33% nell’UE-27. Se il tasso di riduzione dei decessi prematuri continua ad aumentare, si prevede che l’UE raggiungerà l’obiettivo del piano d’azione per l’inquinamento zero. Se la nuova linea guida dell’OMS sulla qualità dell’aria per il PM2,5 di 5 µg/m3 fosse stata raggiunta in tutta l’UE-27 nel 2019, ciò avrebbe già comportato una riduzione dei decessi prematuri di almeno il 72% rispetto ai livelli del 2005.

Benefici teorici per la salute, in termini di riduzione dei decessi prematuri, che sarebbero stati ottenuti per l’UE-27 nel 2019 se i diversi valori limite dell’UE e quelli raccomandati dalle linee guida dell’OMS per il PM2,5 fossero stati rispettati in tutta Europa

EU-27Morti premature dovute al PM2,5Riduzione dei decessi prematuri rispetto ai livelli del 2019% Riduzione dei decessi prematuri rispetto ai livelli del 2019% Riduzione dei decessi prematuri rispetto ai livelli del 2005
PM2,5 rilevato nel 2019306.70033%
Limite UE (25 µg/m3)306.5002000%33%
Linee guida WHO 2005 (10 µg/m3)241.40065.30021%47%
Linee guida WHO 2021 (5 µg/m3)129.400177.30058%72%
fonte: EEA

Benefici per ogni paese, in termini di riduzione dei decessi prematuri, se fossero stati rispettati i valori raccomandati dalle Linee Guida per la qualità dell’aria 2021 dell’OMS per il PM2,5 di 5 µg/m3 alle concentrazioni registrate nel 2019

Decessi prematuri attribuibili all’esposizione al PM2,5 nel 2019

Morti premature attribuibili al PM2,5 nel 2019 per paese europeo

NazionePopolazioneMedia annua (µg/m3) PM2,5Morti premature per PM2,5
Austria 8.859.00011,35.200
Belgium11.456.000116.500
Bulgaria7.0001810.600
Croatia 4.076.00014,74.200
Cyprus 1.213.00014,7700
Czechia 1.065.00013,88.500
Denmark 5.806.0009,42.900
Estonia1.325.0005,5500
Finland 5.518.00051.500
France 65.041.0009,529.800
Germany 83.019.00010,153.800
Greece 10.725.00015,810.400
Hungary 9.773.00014,510.400
Ireland 4.904.0007,71.300
Italy 59.817.00014,549.900
Latvia 192.00010,11.600
Lithuania 2.794.00012,12.500
Luxembourg 614.0008,1200
Malta 494.00012,2300
Netherlands 17.282.00010,78.900
Poland 37.973.00017,639.300
Portugal 9.776.0008,34.900
Romania 19.414.00015,121.500
Slovakia 545.00014,54.200
Slovenia 2.081.00013,21.400
Spain 44.789.00010,223.300
Sweden 1.023.0005,42.800
Albania 2.862.00017,54.000
Andorra 76.00010,840
Bosnia and Herzegovina 3.492.00021,65.900
Iceland 357.000450
Kosovo 1.796.00020,12.800
Liechtenstein 38.0008,110
Monaco 38.00012,920
Montenegro 622.00018,5900
North Macedonia 2.077.00020,63.400
Norway 5.328.0005,51.200
San Marino 35.0001330
Serbia 6.964.00020,811.400
Switzerland 8.545.0008,73.200
United Kingdom66.671.0009,733.100
EU-27441.998.00011,9307.000
Totale540.899.00011,8373.000
Fonte: EEA

Riduzione percentuale sui decessi prematuri del 2005 che raggiungere i diversi valori limite dell’UE e le linee guida dell’OMS in tutta l’UE-27 potrebbe determinare


Altri articoli su PM2,5 e salute

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: