Agenzia Internazionale Energia IEA Ambiente Mobilità

Rapporto dell’Agenzia Internazionale per l’Energia sulle auto elettriche

L’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha pubblicato il Global EV Outlook 2022.

Le vendite di veicoli elettrici (BEV) sono raddoppiate nel 2021 rispetto all’anno precedente per un nuovo record di 6,6 milioni. Dieci anni prima. nel 2012, erano state vendute solo 120mila auto elettriche in tutto il mondo. Quasi il 10% delle vendite globali di auto erano elettriche nel 2021, quattro volte la quota di mercato nel 2019. Questo ha portato il numero totale di auto elettriche sulle strade del mondo a circa 16,5 milioni, triplicando il numero nel 2018. Le vendite globali di auto elettriche hanno continuato a crescere fortemente nel 2022, con 2 milioni di auto vendute nel primo trimestre, in crescita del 75% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Il successo dei veicoli elettrici è determinato da molteplici fattori.

Un sostegno politico forte costituisce l’elemento principale. La spesa pubblica per le sovvenzioni e gli incentivi per i veicoli elettrici è quasi raddoppiata nel 2021, arrivando a quasi 30 miliardi di dollari. Un numero crescente di paesi si è impegnato a eliminare gradualmente i motori a combustione interna o ad avere ambiziosi obiettivi di elettrificazione dei veicoli per i prossimi decenni.

Nel frattempo, molti produttori di automobili hanno in programma di elettrificare le loro flotte anche oltre gli obiettivi politici. Infine, nel 2021 erano disponibili cinque volte più nuovi modelli di veicoli elettrici che nel 2015, aumentando l’attrattiva per i consumatori. Il numero di modelli BEV disponibili sul mercato è di circa 450.

L’aumento delle vendite di veicoli elettrici nel 2021 è stato guidato principalmente dalla Cina, che ha rappresentato la metà della crescita. Più veicoli sono stati venduti in Cina nel 2021 (3,3 milioni) che in tutto il mondo nel 2020.

Le vendite in Europa hanno mostrato una crescita importante e continua (+65% a 2,3 milioni) dopo il boom del 2020, e sono aumentate anche negli Stati Uniti (a 630.000) dopo due anni di declino. Il primo trimestre del 2022 ha mostrato tendenze simili, con vendite in Cina più che raddoppiate rispetto al primo trimestre del 2021 (che rappresentano la maggior parte della crescita globale), un aumento del 60% negli Stati Uniti e un aumento del 25% in Europa.

In Cina, le auto elettriche sono in genere più piccole rispetto ad altri mercati. Questo, insieme ai minori costi di sviluppo e di produzione, ha contribuito a ridurre il divario di prezzo con le auto convenzionali. Nel 2021, il prezzo medio ponderato per le vendite dei veicoli elettrici in Cina è stato solo del 10% in più rispetto a quello delle offerte convenzionali, rispetto al 45-50% in media negli altri mercati principali.

La Cina rappresenta il 95% delle nuove immatricolazioni di veicoli elettrici a due e tre ruote e il 90% delle nuove immatricolazioni di autobus e camion elettrici in tutto il mondo. Veicoli elettrici a due e tre ruote rappresentano ora la metà delle vendite della Cina. La velocità di implementazione delle infrastrutture di ricarica in Cina è più veloce che nella maggior parte delle altre regioni del Mondo.

BEV: veicoli elettrici; PHEV: veicoli ibridi

Al contrario, le vendite di veicoli elettrici sono ancora in ritardo in altre economie emergenti e in via di sviluppo, dove i pochi modelli disponibili rimangono inaccessibili per i consumatori del mercato di massa. In Brasile, India e Indonesia, meno dello 0,5% delle vendite di auto sono elettriche. Tuttavia, le vendite di veicoli elettrici sono raddoppiate in un certo numero di regioni nel 2021 – anche in India, il che potrebbe aprire la strada a una più rapida adozione del mercato entro il 2030 se saranno messi in atto politiche di sostegno.

La pandemia di Covid-19 e la guerra della Russia in Ucraina hanno sconvolto le catene di approvvigionamento globali e l’industria automobilistica è stata pesantemente colpita. Nel prossimo futuro, i ritardi di consegna dei veicoli elettrici ai clienti potrebbero frenare la crescita delle vendite in alcuni mercati. Ma a lungo termine, gli sforzi del governo e delle imprese per elettrificare i trasporti stanno fornendo una solida base per un’ulteriore crescita delle vendite di veicoli elettrici.

L’AIE Announced Pledges Scenario (APS), che si basa sugli impegni e gli annunci attuali di politiche incentrate sul clima, presume che i veicoli elettrici rappresentino oltre il 30% dei veicoli venduti a livello globale nel 2030 in tutte le modalità (esclusi i veicoli a due e tre ruote).

Il valore di mercato globale dell’elettricità per la ricarica BEV è previsto in crescita di oltre 20 volte nell’APS, raggiungendo circa 190 miliardi di dollari entro il 2030, che equivale a circa un decimo del valore di mercato del diesel e della benzina di oggi. Tuttavia, la quantità di infrastruttura di ricarica pubblica annunciata potrebbe essere insufficiente per alimentare la quantità di veicoli elettrici oggetto dell’obiettivo. Ci sono variazioni importanti tra i paesi in termini di velocità e necessità di installazione dell’infrastruttura di ricarica. Il numero adeguato di caricabatterie per BEV dipenderà dalle specificità locali come il parco immobiliare, le distanze di viaggio tipiche, la densità della popolazione e la dipendenza dalla ricarica domestica.

È probabile che la ricarica a casa e sul posto di lavoro fornisca gran parte della domanda complessiva, ma il numero di caricabatterie pubblici deve ancora aumentare di nove volte e raggiungere oltre 15 milioni di unità nel 2030 per soddisfare i livelli previsti nell’APS e fornire ai consumatori una copertura adeguata e conveniente.

I camion elettrici sono stati finora sostanzialmente distribuiti solo in Cina, grazie al forte sostegno del governo. Nel 2021, tuttavia, diversi altri paesi hanno annunciato il sostegno per l’elettrificazione dei camion pesanti.

I produttori di camion hanno anche sviluppato nuovi modelli di camion elettrici: più di 170 erano disponibili al di fuori della Cina nel 2021. Sarà necessario un rapido dispiegamento per tenere il passo con gli annunci governativi e saranno necessari ulteriori sforzi per raggiungere l’obiettivo zero-emissioni. I camion elettrici hanno rappresentato solo lo 0,3% delle vendite globali di camion nel 2021. Questo dovrebbe raggiungere circa il 10% entro il 2030 nell’APS e il 25% nello Scenario NZE (Net Zero Emissions) dell’IEA entro il 2050.

Gli autocarri a corto raggio sono il segmento che può essere elettrificato più velocemente, e per la maggior parte questi non hanno bisogno di una vasta rete di ricarica se la ricarica del deposito è disponibile. I camion a lungo raggio richiederanno caricabatterie ad alta potenza che sono attualmente costosi e spesso richiedono significativi aggiornamenti della rete. Di conseguenza, la pianificazione e gli investimenti tempestivi sono fondamentali per ridurre al minimo la tensione sulla rete e fornire una rete adeguata per la prossima fase di elettrificazione dei veicoli pesanti.

Cinque raccomandazioni IEA per accelerare l’adozione dei veicoli elettrici in tutto il mondo

  1. Mantenere e adattare il supporto per le auto elettriche. Man mano che il mercato delle auto elettriche matura, la dipendenza dai sussidi diretti deve diminuire e alla fine svanire. Programmi neutri dal punto di vista del bilancio – che tassano i veicoli con motore a combustione interna inefficienti per finanziare le sovvenzioni per gli acquisti a basse emissioni o di veicoli elettrici – possono essere un utile strumento di politica di transizione. La rigorosa efficienza dei veicoli e/o gli standard di CO2 hanno promosso l’adozione dei BEV nella maggior parte dei principali mercati e dovrebbero essere adottati da tutti i paesi che cercano di accelerare la transizione all’elettromobilità.
  2. Avviare il mercato dei veicoli pesanti. Sono disponibili modelli elettrici di autobus e camion elettrici più competitivi in base al costo totale di proprietà in un numero sempre maggiore di casi. L’implementazione guidata dalle politiche può aiutare a dare il via a questo settore. Gli obiettivi di vendita di veicoli a emissioni zero, gli incentivi all’acquisto e gli standard di CO2 possono contribuire ad accelerare la transizione.
  3. Promuoverne l’adozione nelle economie emergenti e in via di sviluppo. L’elettrificazione del trasporto stradale nelle economie emergenti e in via di sviluppo dovrebbe dare priorità ai veicoli a due/tre ruote e agli autobus urbani, in quanto questi tipi di veicoli sono più competitivi in termini di costi. I segnali di prezzo e la disponibilità dell’infrastruttura di ricarica possono anche aiutare l’economia per l’elettrificazione.
  4. Espandere l’infrastruttura EV e le reti intelligenti. I governi dovrebbero continuare a sostenere l’installazione di un’infrastruttura a tariffazione accessibile al pubblico almeno fino a quando non ci saranno abbastanza veicoli elettrici in circolazione. Il sostegno del governo, attraverso regolamenti che richiedono la costruzione di stazioni di ricarica o attraverso politiche fiscali e sostegno, dovrebbe garantire un accesso equo alla tariffazione per tutte le comunità al fine di garantire che nessuno sia lasciato indietro nella transizione. È importante incentivare e facilitare l’installazione di caricabatterie per la casa nei parcheggi esistenti. Può essere d’aiuto richiedere la disponibilità della ricarica EV per i nuovi edifici. Allo stesso tempo, le autorità locali dovrebbero sostenere l’installazione di caricabatterie negli edifici esistenti.
  5. Garantire catene di fornitura EV sicure, resilienti e sostenibili. L’elettrificazione del trasporto su strada richiede un’ampia gamma di materie prime. Mentre tutte le fasi della catena di approvvigionamento devono scalare, l’estrazione e la lavorazione sono particolarmente critiche a causa dei lunghi tempi di consegna. I governi devono sfruttare gli investimenti privati nell’estrazione mineraria sostenibile dei metalli delle batterie chiave e garantire procedure di autorizzazione chiare e rapide per evitare potenziali colli di bottiglia nell’approvvigionamento. L’innovazione e le sostanze chimiche alternative che richiedono piccole quantità di minerali critici, così come il riciclaggio esteso della batteria, possono alleviare la pressione della domanda ed evitare colli di bottiglia. Incentivare il “giusto dimensionamento” delle batterie e l’adozione di auto più piccole può anche far diminuire la domanda di metalli critici. I governi dovrebbero rafforzare la cooperazione tra i paesi produttori e i paesi consumatori per facilitare gli investimenti, promuovere pratiche sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale e incoraggiare la condivisione delle conoscenze. I governi dovrebbero garantire la tracciabilità dei componenti EV chiave e monitorare i progressi degli ambiziosi obiettivi di sviluppo ambientale e sociale in ogni fase delle catene di fornitura di batterie ed EV.

Vedi il rapporto del MIMS “Decarbonizzare i trasporti

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: