Cambiamento climatico Meteo WMO

WMO: lo stato del clima nel 2021

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Meteorologi (WMO), le concentrazioni di gas serra atmosferici e il calore accumulato associato hanno spinto il pianeta in un territorio inesplorato, con ripercussioni di vasta portata per le generazioni attuali e future.

Secondo il rapporto provvisorio del WMO “State of the Global Climate 2021″, gli ultimi sette anni dovrebbero essere i più caldi mai registrati, sulla base dei dati relativi ai primi nove mesi del 2021.

L’innalzamento globale del livello del mare è accelerato dal 2013 ad un nuovo picco nel 2021, con il continuo riscaldamento e l’acidificazione degli oceani.

Il rapporto combina il contributo di diverse agenzie delle Nazioni Unite, servizi meteorologici e idrologici nazionali ed esperti scientifici. Sottolinea gli impatti sulla sicurezza alimentare e lo spostamento della popolazione, danneggiando gli ecosistemi cruciali e compromettendo i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha detto:

“Il rapporto del WMO utilizza le ultime prove scientifiche per mostrare come il nostro pianeta sta cambiando davanti ai nostri occhi. Dalle profondità degli oceani alle cime delle montagne, dallo scioglimento dei ghiacciai agli eventi meteorologici estremi inarrestabili, gli ecosistemi e le comunità di tutto il mondo sono devastati. La COP26 deve essere un punto di svolta per le persone e il pianeta. Gli scienziati sono chiari sui fatti. Ora i leader devono essere altrettanto chiari nelle loro azioni. La porta è aperta; le soluzioni ci sono. La COP26 deve essere un punto di svolta. Dobbiamo agire ora – con ambizione e solidarietà – per salvaguardare il nostro futuro e salvare l’umanità”.

I contenuti principali del rapporto

Gas ad effetto serra

Nel 2020, le concentrazioni di gas serra hanno raggiunto nuovi massimi. I livelli di anidride carbonica (CO2) erano 413,2 parti per milione (ppm), metano (CH4) a 1889 parti per miliardo (ppb) e protossido di azoto (N2O) a 333,2 ppb, rispettivamente, 149%, 262% e 123% dei livelli pre-industriali (1750). L’aumento è continuato nel 2021.

Temperature

La temperatura media globale per il 2021 (basata su dati da gennaio a settembre) era di circa 1,09°C superiore alla media del 1850-1900. È probabile che il 2021 sarà tra il 5º e il 7º anno più caldo e che dal 2015 al 2021 saranno i sette anni più caldi registrati.

Oceani

Circa il 90% del calore accumulato nel sistema terrestre è immagazzinato nell’oceano. A profondità superiore di 2000m l’oceano ha continuato a riscaldarsi nel 2019 raggiungendo un nuovo record.

Un’analisi preliminare basata su sette set di dati globali suggerisce che il 2020 abbia superato tale record. Tutti i dati concordano sul fatto che i tassi di riscaldamento degli oceani mostrano un aumento particolarmente forte negli ultimi due decenni e si prevede che l’oceano continuerà a riscaldarsi in futuro.

L’oceano assorbe circa il 23% delle emissioni annue di CO2 antropica nell’atmosfera e quindi sta diventando più acido. Il pH della superficie dell’oceano aperto è diminuito globalmente negli ultimi 40 anni ed è ora il più basso da almeno 26.000 anni. Gli attuali tassi di variazione del pH sono senza precedenti almeno da quel momento. Mentre il pH dell’oceano diminuisce, diminuisce anche la sua capacità di assorbire CO2 dall’atmosfera.

Livello dei mari

I cambiamenti del livello medio globale del mare derivano principalmente dal riscaldamento degli oceani attraverso l’espansione termica dell’acqua marina e dello scioglimento del ghiaccio terrestre.

Misurato dall’inizio degli anni ’90 da satelliti ad altimetro ad alta precisione, l’aumento medio globale del livello medio del mare è stato di 2,1 mm all’anno tra il 1993 e il 2002 e di 4,4 mm all’anno tra il 2013 e il 2021. Ciò è dovuto principalmente alla perdita accelerata di massa di ghiaccio dai ghiacciai e dalle calotte glaciali.

Ghiacciai sulla terra e ghiaccio nei mari

Il ghiaccio marino artico era al di sotto della media 1981-2010 al suo massimo in marzo.

La perdita di massa dai ghiacciai nordamericani ha accelerato negli ultimi due decenni, quasi raddoppiando per il periodo 2015-2019 rispetto al 2000-2004. Un’estate eccezionalmente calda e asciutta nel 2021, nel Nord America occidentale, ha avuto un impatto brutale sui ghiacciai di montagna della regione.

Eventi meteorologici estremi

Eccezionali ondate di calore hanno colpito il Nord America occidentale durante i mesi di giugno e luglio, con molti luoghi che hanno battuto i record precedenti di 4°C a 6°C e causando centinaia di morti legate al calore. Lytton, nella Columbia Britannica centro-meridionale, ha raggiunto i 49,6°C il 29 giugno, battendo il precedente record nazionale canadese di 4,6°C ee è stata devastata dal fuoco il giorno successivo.

Ci sono state anche molteplici ondate di calore nel sud-ovest degli Stati Uniti. La Death Valley, in California, ha raggiunto i 54,4°C il 9 luglio, eguagliando un valore simile del 2020, il più alto registrato al mondo almeno dagli anni ’30. È stata l’estate più calda mai registrata negli Stati Uniti continentali. Ci sono stati numerosi incendi boschivi. L’incendio della Dixie nel nord della California, iniziato il 13 luglio, ha bruciato circa 390.000 ettari entro il 7 ottobre, il più grande incendio singolo mai registrato in California.

Il caldo estremo ha colpito l’intera regione mediterranea. L’11 agosto, una stazione agro-meteorologica in Sicilia ha raggiunto i 48,8°C, un record provvisorio europeo, mentre Kairouan (Tunisia) ha raggiunse il record di 50,3°C. Montoro (47,4°C) ha stabilito il record nazionale per la Spagna il 14 agosto, mentre lo stesso giorno Madrid ha avuto il suo giorno più caldo con 42,7°C. Il 20 luglio, Cizre (49,1°C) ha stabilito un record nazionale turco e Tbilisi (Georgia) ha avuto il suo giorno più caldo (40,6°C). In molte parti della regione si sono verificati gravi incendi.

Piogge

Precipitazioni estreme hanno colpito la provincia cinese di Henan dal 17 al 21 luglio. La città di Zhengzhou il 20 luglio ha ricevuto 201,9 mm di pioggia in un’ora (record nazionale cinese), 382 mm in 6 ore e 720 mm per l’evento nel suo complesso, più della sua media annuale. Le inondazioni sono state collegate a più di 302 morti, con perdite economiche di 17,7 miliardi di dollari.

A metà luglio l’Europa occidentale ha subito alcune delle più gravi inondazioni mai registrate. La Germania occidentale e il Belgio orientale hanno ricevuto 100-150 mm su un’ampia area il 14-15 luglio su un terreno già saturo, causando inondazioni e frane e più di 200 morti. La più alta piovosità giornaliera è stata di 162,4 mm a Wipperfürth-Gardenau (Germania).

Le persistenti precipitazioni sopra la media nella prima metà dell’anno in alcune parti del Sud America settentrionale, in particolare nel bacino settentrionale dell’Amazzonia, hanno portato a significative inondazioni nella regione. Il Rio Negro a Manaus (Brasile) ha raggiunto il loro livello record.

Le inondazioni hanno colpito anche parti dell’Africa orientale, con il Sud Sudan particolarmente colpito.

Una notevole siccità ha colpito gran parte del Sudamerica subtropicale per il secondo anno consecutivo. Le precipitazioni erano ben al di sotto della media in gran parte del Brasile meridionale, Paraguay, Uruguay e Argentina settentrionale. La siccità ha causato notevoli perdite agricole, esacerbate da un’epidemia di freddo alla fine di luglio, danneggiando molte delle regioni produttrici di caffè del Brasile. Bassi livelli fluviali hanno anche ridotto la produzione di energia idroelettrica e interrotto il trasporto fluviale.

I 20 mesi da gennaio 2020 ad agosto 2021 sono stati i più asciutti mai registrati nel sud-ovest degli Stati Uniti, più del 10% al di sotto del precedente record. La produzione di grano prevista per il Canada nel 2021 è inferiore del 30-40% ai livelli del 2020. Una crisi di malnutrizione associata alla siccità ha colpito parti dell’isola del Madagascar, nell’Oceano Indiano.

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “WMO: lo stato del clima nel 2021

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: