Cambiamento climatico COP26 WMO

WMO: il nuovo rapporto IPCC sul clima è un chiaro appello ad agire con urgenza

E’ stata pubblicata la relazione del gruppo di lavoro sul cambiamento climatico dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) “Climate Change 2021: The Physical Science Basis“, che fornisce la valutazione più chiara e completa del riscaldamento dell’atmosfera, degli oceani e del suolo. The Physical Science Basis è la prima parte della Sesta relazione di valutazione dell’IPCC (AR6), che sarà completata nel 2022. La relazione si basa su contributi di 234 autori provenienti da 66 paesi (31 autori coordinatori, 167 autori principali, 36 editori di recensioni e 517 autori contributori).

la conferenza stampa di presentazione del documento (9 agosto 2021)

Secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO), il documento costituisce un chiaro appello per un’azione immediata al fine di ridurre i gas serra di fronte al cambiamento climatico senza precedenti e che sta accelerando.

Secondo il rapporto, la portata dei recenti cambiamenti è senza precedenti in migliaia, se non centinaia di migliaia di anni. Molti cambiamenti dovuti alle emissioni di gas serra passate e future sono irreversibili per secoli e millenni, in particolare i cambiamenti negli oceani, nelle calotte glaciali e il livello globale del mare.

I cambiamenti climatici indotti dall’uomo stanno già influenzando molti eventi meteorologici e climatici estremi in ogni regione del mondo. Le prove del verificarsi di cambiamenti estremi come ondate di calore, forti precipitazioni, siccità e intensi cicloni tropicali, e in particolare la loro attribuzione all’influenza umana, si sono rafforzate dall’ultimo rapporto di valutazione dell’IPCC nel 2014.

“La dura realtà del cambiamento climatico sta avvenendo in tempo reale davanti ai nostri occhi”, ha detto il Segretario Generale del WMO Prof. Petteri Taalas. “È un assaggio di ciò che dovranno affrontare le generazioni future. Alcuni dei cambiamenti negativi sono già parte del sistema climatico, ma altri possono ancora essere affrontati se ora riduciamo le emissioni in modo forte, rapido e duraturo. Tuttavia, le concentrazioni di gas serra, in particolare l’anidride carbonica, rimangono a livelli record”, ha detto il Prof. Taalas.

Il Prof. Taalas ha quindi detto: “Come co-fondatore dell’IPCC (istituito nel 1988 dal WMO e dal programma delle Nazioni Unite per l’ambiente), WMO ringrazia gli scienziati coinvolti per la loro dedizione e il lavoro instancabile. Siamo uniti nella scienza. La scienza ha parlato. Ora è il momento di agire”.

Eventi meteorologici estremi

La relazione dell’IPCC prevede che nei prossimi decenni i cambiamenti climatici aumenteranno in tutte le regioni del mondo. Per 1,5 C di riscaldamento globale, ci saranno ondate di calore crescenti, stagioni calde più lunghe e stagioni fredde più brevi, nonché cambiamenti nei modelli di precipitazione che determinano inondazioni e siccità.

A 2.C di riscaldamento globale, gli estremi di calore raggiungerebbero più spesso le soglie di tolleranza critica per l’agricoltura e la salute, secondo il rapporto. “L’estremo calore a cui abbiamo assistito nel 2021 porta tutti i segni del cambiamento climatico indotto dall’uomo. La Columbia Britannica in Canada ha registrato una temperatura incredibile di 49,6°C – superando tutti i precedenti record – come parte di un’intensa e estesa ondata di calore in Nord America.

Il WMO ha ricordato che “Gli incendi in Nord America alimentati dal caldo e dalla siccità hanno inviato pennacchi di fumo attraverso l’Atlantico. Negli ultimi giorni abbiamo assistito a incendi devastanti in Turchia e Grecia, in mezzo a un’ondata di caldo intenso e di lunga durata nel Mediterraneo. La Siberia – una regione tradizionalmente associata al permafrost – ha visto ancora una volta enormi incendi dopo eccezionali ondate di calore, incendi e ghiaccio basso artico nel 2020”.

L’Artico si sta riscaldando più del doppio della media mondiale. Un ulteriore riscaldamento amplificherà lo scongelamento del permafrost, e la perdita di copertura di neve stagionale, lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali, e la perdita di ghiaccio marino artico estivo.

La relazione dell’IPCC mostra come il cambiamento climatico stia intensificando il ciclo dell’acqua. Ciò comporta precipitazioni più intense e conseguenti inondazioni, nonché siccità più intensa in molte regioni.

1.5°C di riscaldamento

Il rapporto mostra che il tasso medio di riscaldamento osservato ha accelerato nel periodo 2006-2018 rispetto al periodo 1971-2006. Esso fornisce nuove stime delle possibilità di superare il livello di riscaldamento globale di 1,5°C nei prossimi decenni e rileva che, a meno che non vi siano riduzioni immediate, rapide e su larga scala delle emissioni di gas a effetto serra, limitare il riscaldamento a circa 1,5°C o addirittura 2°C sarà impossibile.

Il rapporto afferma che le emissioni di gas a effetto serra derivanti dalle attività umane sono responsabili di circa 1,1°C di riscaldamento negli ultimi dieci anni rispetto al periodo dal 1850 al 1900.

Nel 2020 la temperatura media annuale è stata di 1,2°C sopra la normale. La temperatura media stimata nei prossimi 20 anni dovrebbe raggiungere o superare 1,5°C di riscaldamento.

L’accordo di Parigi si impegna a proseguire gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a questo livello.

Il rapporto del WMO State of the Global Climate 2020 afferma che gli ultimi sei anni sono stati i più caldi mai registrati. E il Global Annual to Decadal Climate Update pubblicato dalla WMO a maggio ha detto che c’è circa il 40% di probabilità che la temperatura media globale annuale raggiunga temporaneamente 1,5°C sopra il livello pre-industriale in almeno uno dei prossimi cinque anni – e queste probabilità stanno aumentando con il tempo.

La WMO pubblica aggiornamenti annuali globali e regionali sullo stato del clima e sugli indicatori del cambiamento climatico per i leader politici e i decisori. L’IPCC fornisce valutazioni scientifiche periodiche più complete e dettagliate sui cambiamenti climatici, le loro implicazioni e rischi, nonché per proporre strategie di adattamento e mitigazione.

Questo rapporto dell’IPCC si basa su importanti progressi nella scienza recente – una migliore comprensione del riscaldamento del passato, dati aggiuntivi degli ultimi anni molto caldi e un approccio più sofisticato per valutare il tasso di riscaldamento futuro.

Le situazioni regionali

Un importante passo avanti di questo rapporto, della recente scienza del clima, è la nuova informazione sul cambiamento climatico regionale, sia quello che stiamo vedendo ora e quello che vedremo in futuro con un ulteriore riscaldamento, che ci aiuta a capire come gli effetti del riscaldamento globale avvengano su scala regionale, aiutando i politici a prendere decisioni più informate sul clima.

La relazione rileva che molti fattori che determinano gli impatti climatici sono destinati a cambiare in tutte le regioni del mondo. I cambiamenti specifici della regione comprendono l’intensificazione dei cicloni tropicali e delle tempeste extratropicali, l’aumento delle inondazioni fluviali, la riduzione delle precipitazioni medie, l’aumento dell’aridità e l’aumento delle condizioni atmosferiche degli incendi.

Anche a 1,5°C di riscaldamento, si prevede l’intensificarsi e il diventare più frequenti di forti precipitazioni e conseguenti inondazioni nella maggior parte delle regioni. Siccità più frequenti e gravi sono previste in alcune regioni in tutti i continenti, ad eccezione dell’Asia. Questi cambiamenti aumenterebbero ancora di più a 2°C di riscaldamento.

Per chi vuole approfondire

Informazioni più dettagliate sull’impatto climatico regionale sono state pubblicate in un nuovo atlante interattivo AR6 WG1 (https://interactive-atlas.ipcc.ch)

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “WMO: il nuovo rapporto IPCC sul clima è un chiaro appello ad agire con urgenza

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: