News

Scelte le foto vincitrici del concorso dell’Agenzia Europea per l’Ambiente sui cambiamenti climatici

Esperti di comunicazione ambientale della rete europea di informazione e osservazione in materia ambientale (Eionet) e il voto del pubblico hanno selezionato sei vincitori del concorso fotografico – promosso dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) sui cambiamenti climatici in Europa e sull’azione climatica individuale e sociale. Qui sotto sono visibili tutte…

leggi tutto

Tram e metropolitane leggere in 5 delle 6 città svizzere con più di centomila abitanti

In Svizzera, 5 delle 6 città con più di centomila abitanti hanno un trasporto urbano su ferro (tranvie o metropolitane leggere): 40 linee per circa 200 chilometri. In precedenti articoli abbiamo fatto il quadro riguarda la presenza di metropolitane e tranvie su ferro. in Francia, Italia (con un approfondimento specifico…

leggi tutto

La comunicazione del Sistema Nazionale per la protezione dell’ambiente (SNPA)

Venerdì 24 settembre si svolgerà dalle 15.30 alle 18.30, nell’Aula Magna “Aldo Cossu” a Palazzo Ateneo, in Via Crisanzio 1 a Bari, il secondo dei corsi della serie “Venerdì della comunicazione ambientale” organizzati dall’Ordine dei giornalisti della Puglia in collaborazione con l’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente (ARPA…

leggi tutto

Allergie e pollini, un ambito di lavoro per i medici sentinella per l’ambiente

Articolo pubblicato insieme con Paolo Lauriola su Isde.it La pandemia Covid-19 ha spinto molti ricercatori a cercare correlazioni fra la diffusione del virus ed altri fattori esterni. Fra gli ambiti indagati anche quello relativo ad una maggiore presenza di pollini. In particolare uno studio pubblicato su Environmental sciences “Higher airborne pollen concentrations…

leggi tutto

Per una scienza in azione. La pandemia da COVID-19 e la crisi climatica: gli impatti

Venerdì 24 settembre si terrà online, nell’ambito del programma All4Climate – Italy 2021, in preparazione della riunione ministeriale “Pre-COP 26”, il seminario Pandemia e crisi climatica, cause comuni di una sindemia: riflessioni e proposte per il cambiamento. Allarme del mondo scientifico. Le sfide globali come la pandemia da COVID-19 ed…

leggi tutto

Il monitoraggio delle microplastiche: agenzie ambientali e citizen science

Le microplastiche si trovano ovunque Ormai da alcuni anni si moltiplicano le ricerche effettuate sulle micro-plastiche disperse nell’ambiente in tutto il Mondo ed in tutte le matrici ambientali (aria, acqua, suolo). Microplasticheche sono ingerite dagli animali (mammiferi, rettili, uccelli e pesci) ed anche dall’uomo. Con il termine microplastica ci si riferisce a piccole particelle…

leggi tutto

Remtech Europe: tanti eventi online gratuiti dal 20 al 24 settembre

Remtech Europe, International Conference and Exhibition on land and water remediation markets and technologies, è in programma dal 20 al 24 settembre 2021. I primi due giorni della conferenza, dal 20 al 21 settembre, saranno interamente digitali e trasmessi in streaming. Gli altri tre giorni 22-24 settembre saranno ibridi sia…

leggi tutto
4 / 56 Per sempre … – Veneto – Rifiuti – foto di Amelia De Lazzari SNPA

Il monitoraggio dei rifiuti sulle spiagge italiane

Nelle spiagge italiane monitorati più di 400 oggetti ogni 100 metri. Tre quarti di essi sono di materiale plastico. La Direttiva Quadro per la Strategia Marina (Direttiva 2008/56/CE) pone come obiettivo agli Stati membri di raggiungere (entro il 2020) il buono stato ambientale (GES, “Good Environmental Status”) per le proprie acque marine.…

leggi tutto

Ad un film ambientato nel Parco del Pollino il Premio “Goccia Verde” a Venezia

Al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino, in concorso alla 78ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, è andato il “Green Drop Award” 2021 di Green Cross Italia. Il premio – la goccia di vetro di Murano realizzata dal maestro Simone Cenedese – in occasione della sua decima edizione è…

leggi tutto

I costi dei servizi di igiene urbana

Complessivamente, a livello nazionale, nel 2019 i comuni hanno speso per la gestione dei rifiuti urbani 175,79 euro per abitante e 34,70 Eurocent per kg di rifiuto. Differenze anche del 100% fra le diverse regioni. Recentemente la Corte dei Conti ha analizzato la spesa dei comuni, dedicando una particolare attenzione…

leggi tutto

Lavoro pubblico e smart working, qualche riflessione

Le parole pesano e quelle di coloro che ricoprono ruoli pubblici ancora di più, sono come sassi. Il Ministro Brunetta nella sua prima esperienza ministeriale alla guida della Funziona Pubblica è rimasto famoso per quell’appellativo “fannulloni” con il quale ha catalogato in un colpo solo milioni di donne ed uomini…

leggi tutto

2010-2019 la raccolta differenziata in Italia

In dieci anni aumentata di 26 punti la media nazionale, ma ancora non rispettiamo il valore del 65% stabilito dalla legge Italiana e dalle norme europee. In precedenti articoli abbiamo visto la situazione relativa alla produzione di rifiuti solidi urbani ed alla loro raccolta differenziata relativamente agli ultimi dati al…

leggi tutto

Raccolta differenziata in Toscana 2016-2019

In un precedente articolo abbiamo visto i dati relativi alla produzione di rifiuti urbani ed alla raccolta differenziata in Toscana sulla base del catasto dei rifiuti ISPRA, che in quasi tutte le regioni e province autonome è alimentato dalle agenzie per la protezione ambientale. In Toscana la Regione ha scelto…

leggi tutto

L’Italia entro il 2030 deve ridurre fra il 10 ed il 30% le emissioni di NOx e PM2,5

L’inquinamento atmosferico, che danneggia la salute umana e l’ambiente, continua a essere una delle principali sfide che l’Europa deve affrontare. Secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA), nel 2018, circa 379.000 decessi prematuri sono stati associati all’esposizione al particolato fine (PM2,5) solo nell’UE-27 e nel Regno Unito. L’inquinamento atmosferico provoca gravi…

leggi tutto

Bonifiche in Toscana

Complessivamente in Toscana i siti che sono interessati da procedimenti di bonifica sono circa 4.700 per una superficie di 18mila ettari, poco meno dell’1% dell’intero territorio regionale. Peraltro i siti “attivi” (a marzo 2021) risultano essere 2.086 per 11.277 ettari. L’Agenzia regionale per protezione dell’ambiente in Toscana (ARPAT) ha recentemente…

leggi tutto

10 idee per salvare il pianeta: la guida per imparare a vivere in modo più sostenibile

1000 buoni consigli per dare il nostro contributo quotidiano al cambiamento Ho avuto modo di conoscere Letizia Palmisano alcuni anni fa, quando la intervistai per Arpatnews (Comunicare l’ambiente al tempo dei social media) e poi tenne una docenza in un corso di formazione, insieme con Veronica Caciagli, per i comunicatori di ARPAT…

leggi tutto

Quanto spendono i paesi europei per la protezione dell’ambiente

In Italia meno del 2%, al disotto della media europea Eurostat fornisce una panoramica dei dati più recenti sulla spesa per la protezione dell’ambiente nell’Unione europea (UE) come definiti nel Environmental Protection Expenditure Accounts (EPEA). L’EPEA misura le risorse economiche destinate alla prevenzione, alla riduzione e all’eliminazione dell’inquinamento e di…

leggi tutto

La situazione degli incendi boschivi in Toscana

I dati dei primi sette mesi del 2021, con oltre 200 incendi e più di 400 ettari bruciati, pur non essendo indifferenti, mostrano una situazione migliore rispetto a quella nazionale. Dal 1970 sono stati interessati dagli incendi quasi 250mila ettari di territorio, un po’ più del 10% della superficie complessiva…

leggi tutto

Lucifero causa temperature record in Sicilia, i dati ISPRA aggiornati sul clima in Italia

L’11 agosto il Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano (SIAS), che gestisce la rete di rilevazione meteo-climatica (temperature, precipitazioni, radiazione solare, umidità) composta da 96 stazioni in tutta l’isola, ha registrato la temperatura record di 48,8°C nella stazione di Siracusa, e valori ben oltre i 40°C in quasi tutta la Sicilia. E’…

leggi tutto

Un anno da record per gli incendi in Italia

Al 12 agosto già più di 120ettari di territorio sono stati bruciati. Il Catasto degli incendi gestito ora dall’Arma dei Carabinieri e prima dal Corpo Forestale dello Stato. Continuano in gran parte dell’Italia meridionale ed insulare devastanti incendi in questa estate che rischia di segnare un nuovo record. Abbiamo visto…

leggi tutto

L’Organizzazione Mondiale della Meteorologia predispone un’analisi dei disastri naturali negli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico negli ultimi cinquanta anni ha causato disastri naturali con centinaia di migliaia di morti in tutto il mondo. 20mila morti e 28 miliardi di dollari di danni in Italia per gli eventi disastrosi censiti in Europa fra i 10 più gravi nell’ultimo mezzo secolo. L’Organizzazione meteorologica mondiale…

leggi tutto

WMO: il nuovo rapporto IPCC sul clima è un chiaro appello ad agire con urgenza

E’ stata pubblicata la relazione del gruppo di lavoro sul cambiamento climatico dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) “Climate Change 2021: The Physical Science Basis“, che fornisce la valutazione più chiara e completa del riscaldamento dell’atmosfera, degli oceani e del suolo. The Physical Science Basis è la prima parte della…

leggi tutto

Le foreste, il polmone della Terra

Secondo i dati Eurostat l’estensione delle foreste in Italia è aumentata del 3,4% fra il 2009 ed il 2018. Anche in Toscana sono in crescita ed ora occupano più di un milione e centomila ettari, circa il 50% della superficie regionale. Le foreste coprono un terzo delle terre emerse della…

leggi tutto
incremento-consumo-di-suolo-in-toscana-2019-2020

214 ettari di suolo consumati in più in Toscana nel 2020

Il Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente ha presentato l’edizione 2021 del Rapporto sul “Consumo di Suolo in Italia”, con i dati relativi al 2020, mettendo al contempo a disposizione i dati aperti relativi agli anni dal 2006 al 2020. Anche nel 2020, l’anno del lockdown, a livello nazionale, la…

leggi tutto

Un tram chiamato desiderio

La mobilità è senza dubbio una delle componenti che determinano la qualità della vita delle nostre città, non solo perché il trasporto è una importante fonte di inquinamento atmosferico ed acustico, ma anche perché la congestione del traffico, i tempi degli spostamenti, lo stress ed i rischi derivanti da mobilità…

leggi tutto

La rete delle agenzie di protezione ambientale: una cultura pubblica

Mercoledì 28 luglio alle ore 16:00 incontro on-line sulla piattaforma Zoom, nell’ambito dei “Sentieri di escursionismo ambientale” dal titolo: La rete delle agenzie di protezione ambientale: una cultura pubblica.  Lo sviluppo sostenibile è da intendersi come un processo, implica la partecipazione e il dialogo trasparente aperto a tutti i soggetti…

leggi tutto

Gli impianti di gestione dei rifiuti speciali

Circa 2.500 impianti per la gestione dei rifiuti speciali, per un totale di circa 20 milioni di tonnellate, di cui circa 12 milioni sono smaltiti in discarica. ISPRA ha presentato il proprio consueto rapporto sui rifiuti speciali con i dati aggiornati al 2019, rendendoli al contempo disponibili in formato aperto sul sito https://www.catasto-rifiuti.isprambiente.it/,…

leggi tutto

Sviluppo sostenibile, a che punto siamo

Il quadro della situazione per l’Italia, e gli altri paesi membri dell’Unione Europea, rispetto ai 17 obiettivi dell’Agenzia 2020 e dei 62 indicatori con i quali viene monitorato l’avanzamento. Eurostat ha recentemente pubblicato un rapporto “Sustainable development in the European Union – Monitoring report on progress towards the Sdgs in…

leggi tutto
consumo-di-suolo-2012-2020

Continua il consumo di suolo sempre più insostenibile

Il Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente ha presentato l’edizione 2021 del Rapporto sul “Consumo di Suolo in Italia”, con i dati relativi al 2020, mettendo al contempo a disposizione i dati aperti relativi agli anni dal 2006 al 2020. Anche nel 2020, l’anno del lockdown, la velocità di copertura…

leggi tutto

La Classifica Europea dell’Inquinamento Atmosferico in Base al Particolato Fine

L’Agenzia Europea per l’Ambiente pubblica una mappa visuale con i dati del PM2,5 in oltre 300 città europee, nelle quali vivono oltre 117 milioni di persone. Solamente in 5 di esse si supera i limiti di legge, ma in 196 non è rispettato il valore raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.…

leggi tutto

Circa 900 km di linee tranviarie in 24 città francesi con più di centomila abitanti

In precedenti articoli abbiamo visto il quadro del trasporto pubblico nei 109 comuni capoluogo, ponendo un particolare accento sulla situazione del trasporto urbano su ferro (metropolitane e tranvie). Una situazione deficitaria rispetto a molti altri paesi europei, circa 200 km di metropolitana, soprattutto nelle due grandi metropoli (Milano e Roma)…

leggi tutto

I rifiuti speciali gestiti in Toscana

I rifiuti speciali (pericolosi e non pericolosi) gestiti in Toscana negli anni 2014-2019 oscillano intorno al valore di 10 milioni di tonnellate. La quantità di questi che va a recupero è incrementata nel periodo, dal 64,5% del 2014 al 71,6% del 2019. ISPRA ha presentato il proprio consueto rapporto sui…

leggi tutto

Eurobarometro: gli europei considerano il cambiamento climatico un problema grave

Oltre nove persone intervistate su dieci ritengono che i cambiamenti climatici siano un problema grave (93%), e quasi otto su dieci (78%) lo ritengono molto grave (84% in Italia). Un sondaggio dell’Eurobarometro, che ha coinvolto 26 669 cittadini appartenenti a diversi gruppi socio-demografici dei 27 Stati membri dell’UE fra il…

leggi tutto

La gestione dei rifiuti speciali

Secondo i dati forniti da Ispra, circa l’80% dei rifiuti speciali viene recuperato ad una seconda vita, con un incremento di più del 5% negli ultimi anni (2019 su 2014). Per quanto riguarda invece lo smaltimento la destinazione decisamente prevalente è quella in discarica (38%), mentre l’incenerimento interessa meno del…

leggi tutto

I rifiuti speciali prodotti in Toscana (2014-2019)

10 milioni di tonnellate di rifiuti speciali, di cui meno di 500mila “pericolosi” prodotti nel 2019, rispetto a 1.600.000 di rifiuti urbani. Negli ultimi cinque anni sostanzialmente stabile la produzione di rifiuti speciali, a differenza di quanto avviene a livello nazionale. ISPRA ha presentato il proprio consueto rapporto sui rifiuti…

leggi tutto

Il Paese Fragile

Sono oltre seicentomila le frane censite in Italia. Oltre novemila chilometri quadrati sono a rischio frane molto elevato. Più di mezzo milione di persone vivono in tali zone, ma anche quasi 32mila imprese e 5mila beni culturali. ISPRA ha catalogato 7.800 proposte progettuali per interventi relativi al dissesto idrogeologico, per…

leggi tutto

I rifiuti speciali prodotti nel 2019 ed il confronto con i cinque anni precedenti

154 milioni di tonnellate di rifiuti speciali, di cui 10 milioni di “pericolosi” prodotti nel 2019, rispetto ai 30 milioni di rifiuti urbani. Negli ultimi cinque anni registrato un incremento di quasi il venti per cento. ISPRA ha presentato il proprio consueto rapporto sui rifiuti speciali con i dati aggiornati…

leggi tutto

Il Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo

E’ ora disponibile un tutorial realizzato da ISPRA, dedicato ad amministratori e cittadini, per spiegare come funziona la piattaforma ReNDIS (Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo), come utilizzarla e quali informazioni trovare. lI progetto di un “Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo (ReNDiS)” nasce a partire…

leggi tutto

Il tram di Firenze, una storia di successo

Accade con una certa frequenza che, alla pubblicazione di qualche report europeo o globale sulla situazione dell’inquinamento atmosferico e acustico delle nostre città, nonché dei relativi problemi che ne derivano sulla salute delle persone, si auspichino risposte di tipo strutturale, perché i provvedimenti “emergenziali” (targhe alterne, blocchi giornalieri del traffico,…

leggi tutto

Le emissioni di gas serra in Italia

L’Italia ha ancora molto da fare per raggiungere l’obiettivo della riduzione delle. emissioni dei gas ad effetto serra al 2030 almeno del 40% rispetto al 1990, considerato che al 2019 la riduzione è stata del 19%. Ispra ha recentemente pubblicato l’Inventario nazionale delle emissioni in atmosfera 1990-2019. Nel 2019 le…

leggi tutto

Organizzare la Manutenzione dell’Italia Fragile

Articolo pubblicato sulla rivista l’Astrolabio di Giovanni Barca e Marco Talluri Il 4% del territorio del nostro Paese è a rischio elevato alluvioni. In esso vivono più di 2 milioni di persone e 600mila imprese. Il PNRR rileva questa problematica e prevede investimenti senza definire, tuttavia, una visione organica improntata…

leggi tutto

Un indicatore di mobilità sostenibile per i 109 comuni capoluogo

In precedenti articoli ho cercato di visualizzare, attraverso l’utilizzo di mappe e grafici interattivi, i dati resi disponibili da ISTAT per i 109 comuni capoluogo. Abbiamo trattato di veicoli motorizzati (autovetture e motocicli) circolanti, di mobilità dolce (ciclabile e pedonale) e infine di trasporto pubblico locale. Con questo articolo cerco…

leggi tutto

Il trasporto pubblico in Toscana

La fotografia del trasporto pubblico locale in Toscana. Con mappe e grafici interattivi illustriamo i dati ISTAT relativi agli autobus per categorie Euro e quelli a basse emissioni, nonché l’offerta di trasporto pubblico locale e il suo utilizzo nei comuni capoluogo. Non c’è mobilità sostenibile senza un trasporto pubblico di…

leggi tutto
metro tram e filobus in Italia

Il trasporto pubblico nei 109 comuni capoluogo

Non c’è mobilità sostenibile senza un trasporto pubblico di massa efficace e non inquinante. La fotografia della situazione attuale presentata in questo articolo, utilizzando i dati ISTAT, mostra che c’è ancora molto da fare. Illustreremo con mappe e grafici interattivi i dati relativi alle reti di metropolitane, tram e filobus,…

leggi tutto

Mobilità dolce e condivisa in Toscana

Poco meno di 400 chilometri di piste ciclabili e meno di 1 chilometro quadrato di aree pedonali, questo quanto destinato dai comuni capoluoghi toscani alla mobilità dolce. Per quella condivisa sono disponibili 4.300 biciclette e 250 autovetture a basse emissioni. Questi i numeri che sintetizzano la situazione per la Toscana,…

leggi tutto

Cosa Dicono i Dati e Cosa Non Dicono Ancora

Articolo pubblicato sulla rivista l’Astrolabio La disponibilità di dati certi e di qualità sui rifiuti, come su altri temi ambientali cruciali, è una necessità, non solo per garantire trasparenza alla filiera relativa, ma anche per rispondere alle normative europee in materia e tenere sotto controllo un processo che spesso risulta…

leggi tutto

Mobilità dolce nei comuni capoluogo

In questo articolo, cerchiamo di capire la situazione riguardante la mobilità “dolce” nei 109 capoluoghi del nostro Paese, attraverso i dati messi a disposizione da ISTAT riguardo alle piste ciclabili ed alle aree pedonali, nonché alcune informazioni sullo svilupparsi di forme di car e bike-sharing. Con un precedente articolo ho…

leggi tutto

Veicoli circolanti in Toscana

In un precedente articolo ho fatto il quadro, sulla base dei dati ISTAT,  delle autovetture e motocicli circolanti nei 109 comuni capoluogo italiani, ed anche le loro caratteristiche emissive (conformità alle varie categorie “Euro” e tipologie di combustibili impiegati. Questi “numeri” determinano la “pressione” sull’ambiente urbano, in termini di emissioni…

leggi tutto

La mobilità nei 109 comuni capoluogo

Come ho avuto modo di sottolineare, la disponibilità dei dati è essenziale per contribuire al formarsi di opinioni avvedute e favorire processi decisionali efficaci. È una esigenza fondamentale anche per i decisori pubblici. Per essi e per tutta la pubblica amministrazione, i dati, ed in particolare quelli ambientali, dovrebbero costituire…

leggi tutto

Balneazione in Toscana: le aree critiche in Versilia

In base alla normativa europea, la qualità delle acque di balneazione è valutata sulla base esclusivamente di parametri che riflettono la presenza nelle acque di micro organismi (escherichia coli ed enterococchi intestinali) presenti nelle feci umane ed animali. In un precedente articolo abbiamo visto che la classificazione delle acque di…

leggi tutto

Perché Non Semplificare i Rifiuti?

Articolo pubblicato sulla rivista l’Astrolabio di Giovanni Barca e Marco Talluri La tracciabilità dei rifiuti nel nostro Paese non ha mai avuto grossa fortuna; molte sono le inchieste su traffici illeciti che vedono coinvolte anche associazioni di stampo mafioso e molte le “terre dei fuochi “, vere o presunte, che…

leggi tutto

Balneazione in Toscana: le aree critiche sulla costa Apuana

In base alla normativa europea, la qualità delle acque di balneazione è valutata sulla base esclusivamente di parametri che riflettono la presenza nelle acque di micro organismi (escherichia coli ed enterococchi intestinali) presenti nelle feci umane ed animali. In un precedente articolo abbiamo visto che la classificazione delle acque di…

leggi tutto

Balneazione in Toscana

La stagione balneare 2021 si avvicina ed Arpa Toscana ha pubblicato il consueto rapporto sui risultati della stagione precedente con la classificazione delle acque di balneazione, sia costiere che lacustri. Nel 2020 complessivamente i circa seicento chilometri di acque balneabili presenti in Toscana, erano suddivisi in 275 aree (268 marine…

leggi tutto

In Italia ogni anno si sprecano sette miliardi di contenitori per bevande

Ogni anno oltre sette miliardi di contenitori per bevande sfuggono in Italia al riciclo per finire dispersi nell’ambiente o smaltiti con il rifiuto indifferenziato. Lo rileva l’Associazione Comuni Virtuosi sulla base dei dati del Rapporto What a Waste curato dalla piattaforma europea no profit Reloop. Recentemente è stato diffuso a…

leggi tutto

Il consumo di suolo in Campania

In precedenti articoli abbiamo visto, sulla base delle informazioni contenute nelle banche dati di Ispra, informazioni relativamente ai dati per la Campania relativamente ai rifiuti urbani (produzione e raccolta differenziata, anche in relazione alla popolazione) sulla base del Catasto rifiuti Ispra e alle aree interessate da pericolosità idraulica o da frane sulla base dei dati disponibili…

leggi tutto

Consumo di suolo in Toscana

In precedenti articoli abbiamo visto, sulla base delle informazioni contenute nelle banche dati di Ispra, informazioni relativamente ai dati per la Toscana relativamente alle cosiddette Aziende a rischio rilevante (Direttiva Seveso), ai rifiuti urbani (produzione e raccolta differenziata, anche in relazione alla popolazione), alle aree interessate da pericolosità idraulica o da frane sulla base…

leggi tutto

Consumo di suolo

In precedenti articoli abbiamo visto, sulla base delle informazioni contenute nelle banche dati di Ispra, informazioni relativamente alle cosiddette Aziende a rischio rilevante (Direttiva Seveso), ai rifiuti urbani (produzione e raccolta differenziata, anche in relazione alla popolazione), alle aree interessate da pericolosità idraulica o da frane sulla base dei dati disponibili nella Piattaforma nazionale IdroGEO.…

leggi tutto

La disponibilità dei dati ambientali e la formazione delle politiche

Quando si parla di informazione ambientale dobbiamo essere consapevoli che non si tratta di una “concessione” da chiedere, ma un diritto che tutti i cittadini hanno e che le amministrazioni pubbliche che le detengono hanno il dovere di mettere a disposizione di tutti. Questo aspetto fondamentale è stato ben chiaro fino da quando nel…

leggi tutto

Aree a pericolosità idraulica e frane in Campania

Su richiesta di alcuni amici conosciuti attraverso la rete di cittadinanza attiva che fa riferimento a Cittadini reattivi, così come ho già fatto per i dati nazionali e quelli della mia regione, la Toscana, dopo l’articolo sui rifiuti urbani in Campania ho analizzato i dati resi disponibili dalla piattaforma italiana…

leggi tutto

I rifiuti urbani in Campania

Su richiesta di alcuni amici conosciuti attraverso la rete di cittadinanza attiva che fa riferimento a Cittadini reattivi, così come ho già fatto per i dati nazionali e quelli della mia regione, la Toscana, ho analizzato i dati del Catasto Rifiuti Ispra per predisporre le mappe, i grafici e le…

leggi tutto

Promuovere la sostenibilità ambientale con l’EcoCoin

Mercoledì 28 aprile, si è svolto un evento online promosso da PA Social, associazione italiana per la comunicazione e informazione digitale, su una nuova iniziativa per promuovere la sostenibilità ambientale utilizzando la tecnologia blockchain ed il progetto EcoCoin, pensato per premiare le azioni virtuose dei cittadini.  L’app Ginosa & Marina è…

leggi tutto

I comuni a rischio frane in Toscana

In precedenti articoli abbiamo visto i dati relativi alla Toscana relativamente alle cosiddette Aziende a rischio rilevante (Direttiva Seveso), ai rifiuti urbani (produzione e raccolta differenziata), ed alle aree a pericolosità idraulica sulla base delle informazioni contenute nelle banche dati di Ispra. In questo articolo vedremo i dati disponibili per la Toscana nella Piattaforma nazionale…

leggi tutto

Un Paese a rischio… frane

In precedenti articoli abbiamo visto, sulla base delle informazioni contenute nelle banche dati di Ispra, informazioni relativamente alle cosiddette Aziende a rischio rilevante (Direttiva Seveso), ai rifiuti urbani (produzione e raccolta differenziata, anche in relazione alla popolazione), ed alle aree a pericolosità idraulica . In questo articolo vedremo i dati disponibili nella Piattaforma nazionale IdroGEO, che…

leggi tutto

Cambiamento climatico e pandemie: cambiare prima che sia troppo tardi

Le proposte per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) di un gruppo di docenti, ricercatori ed esperti di diverse discipline accomunate dalle finalità di protezione degli ecosistemi, dell’ambiente in cui viviamo e della salute umana e degli organismi viventi. Tutti gli organismi scientifici nazionali e internazionali sono concordi…

leggi tutto

Il rischio alluvioni nei comuni della Toscana

In precedenti articoli abbiamo visto i dati relativi alla Toscana relativamente alle cosiddette Aziende a rischio rilevante (Direttiva Seveso) ed ai rifiuti urbani (produzione e raccolta differenziata), sulla base delle informazioni contenute nelle banche dati di Ispra. In questo articolo ed in uno successivo (sulle frane) vedremo i dati disponibili…

leggi tutto

Un Paese a rischio… alluvioni

In precedenti articoli abbiamo visto come ISPRA e il SNPA mettano a disposizione importanti banche dati, in particolare quelle relative alle cosiddette Aziende a rischio rilevante (Direttiva Seveso) ed ai rifiuti urbani (produzione e raccolta differenziata) e speciali (Catasto rifiuti). In questo e successivi interventi invece vedremo i dati disponibili…

leggi tutto

Apriti Sesamo!

Il servizio web relativo agli stabilimenti a rischio di incidente rilevante, finora riservato all’accesso delle amministrazioni pubbliche, è stato integrato con una sezione aperta al pubblico, a cui è possibile accedere senza procedura di registrazione. È finalmente implementata una storica istanza di trasparenza a dimostrazione del fatto che in un…

leggi tutto

Come è cambiata la comunicazione ambientale e la sfida della quotidianità

Per 18 anni dirigente del settore “Comunicazione, informazione e documentazione” di ARPAT, Marco Talluri ha raggiunto il primo aprile la meritata pensione. Abbiamo avuto la fortuna di chiacchierare con il neopensionato, figura cruciale della comunicazione ambientale del settore pubblico italiano. Nelle sue parole si assaporano le speranze e i progetti futuri di una vita segnata…

leggi tutto

Dati sui rifiuti urbani in relazione alla popolazione dei comuni

Utilizzando i dati che Ispra rende disponibili nel “Catasto nazionale dei rifiuti“, in precedenti articoli ho trattato della situazione relativa ai rifiuti urbani (ultimi dati disponibili relativi all’anno 2019), riguardo alle quantità prodotta ed alla percentuale di raccolta differenziata. I dati disponibili però permettono di effettuare delle analisi più mirate,…

leggi tutto

I dati sulla produzione di rifiuti urbani

Come ho evidenziato in un precedente articolo, per quanto riguarda i rifiuti, la disponibilità di dati ambientali è molto più avanti che su altre tematiche ambientali, grazie al “Catasto nazionale dei rifiuti“ pubblicato da tempo da parte di Ispra. Se la quantità di raccolta differenziata è un tema fondamentale, come trattato…

leggi tutto

Produzione e raccolta differenziata di rifiuti urbani in Toscana

Come ho evidenziato in un precedente articolo, per quanto riguarda i rifiuti, la disponibilità di dati ambientali è molto più avanti che su altre tematiche ambientali, grazie al “Catasto nazionale dei rifiuti“ pubblicato da tempo da parte di Ispra. La normativa europea, successivamente recepita da quella italiana (D. Lgs. 152/2006),…

leggi tutto

Dati ambientali aperti e comprensibili: un diritto di tutti i cittadini, un dovere per le amministrazioni pubbliche

Quando si parla di informazione ambientale dobbiamo essere consapevoli che non si tratta di una “concessione” da chiedere, ma un diritto che tutti i cittadini hanno e che le amministrazioni pubbliche che le detengono hanno il dovere di mettere a disposizione di tutti. La “Convenzione sull’accesso alle informazioni, la partecipazione…

leggi tutto

Rifiuti urbani: la raccolta differenziata

La disponibilità dei dati ambientali è essenziale per contribuire al formarsi di opinioni avvedute e favorire processi decisionali efficaci. Il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente, istituito con una legge del 2016 approvata all’unanimità dal Parlamento, che ha messo rete, con una soluzione “federale” Ispra e le 21 agenzie regionali…

leggi tutto

Mettere in comune informazioni utili sull’ambiente

Il mio intervento conclusivo della esperienza lavorativa come direttore responsabile – fin dalla sua nascita – di Arpatnews, nonché dirigente del settore “Comunicazione, informazione e documentazione” di ARPAT. Dall’1.4.2021, il mio datore di lavoro, l’ARPAT, mi manda in pensione, avendo raggiunto il cosiddetto “limite ordinamentale, compiendo a fine marzo 65 anni ed avendo…

leggi tutto

Libro bianco sulla comunicazione ambientale

L’esperienza realizzata in questi anni dalla Rete dei comunicatori SNPA è raccontata in uno dei 13 capitoli del volume “Libro bianco sulla comunicazione ambientale” appena uscito. Il libro nasce in realtà da un altro gruppo di lavoro, quello dedicato alla comunicazione ambientale di Ferpi (l’associazione professionale di coloro che si occupano di…

leggi tutto

Stabilimenti a rischio incidente rilevante in Toscana

Recentemente è stato pubblicato un nuovo sito a cura del Ministero della Transizione Ecologica, ISPRA e ANCI con le informazioni aggiornate destinate al pubblico inviate con la notifica dai gestori degli stabilimenti definiti “a rischio di incidente rilevante” (quelli disciplinati dalla cosiddetta Direttiva “Seveso”). Dei 981 stabilimenti censiti a livello…

leggi tutto

On line le informazioni su quasi mille stabilimenti a rischio incidente rilevante di tutta Italia

Il Ministero della Transizione Ecologica, ISPRA e ANCI hanno sottoscritto un accordo di collaborazione per rendere liberamente consultabili su web le informazioni aggiornate destinate al pubblico inviate con la notifica dai gestori degli stabilimenti definiti “a rischio di incidente rilevante” (quelli disciplinati dalla cosiddetta Direttiva “Seveso”). Nella sezione pubblica dell’apposito…

leggi tutto

30 scienziati ed esperti scrivono a Mario Draghi sul PNRR

Inviate al Presidente del Consiglio dei Ministri una serie di raccomandazioni e proposte per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza legato al Recovery Plan  La lettera inviata a Draghi è stata promossa dalle seguenti figure appartenenti al mondo scientifico italiano.  Simona Agger (Architetto, HCWH, SIAIS), Giulio Betti (meteorologo LAMMA-IBE/CNR),…

leggi tutto

Continuare a lavorare per un ambiente pulito, per lo sviluppo sostenibile

In questi giorni sta concludendo la sua esperienza lavorativa il coordinatore – fin dalla sua nascita – della redazione AmbienteInforma, Marco Talluri, nonché coordinatore della Rete “Comunicazione e informazione SNPA” e dirigente del settore “Comunicazione, informazione e documentazione” di Arpa Toscana, con lui abbiamo cercato di parlare della sua esperienza lavorativa, e di quali possono…

leggi tutto

Quattro anni dopo…

Domenica Facebook mi ha riproposto questo post che avevo diffuso quattro anni fa, il 17 gennaio 2017, mentre ero in viaggio per Roma per partecipare alla prima riunione del Consiglio SNPA, all’indomani, il 14 gennaio, della nascita del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente. Sono appunto passati quattro anni da quel…

leggi tutto

Segui questo blog

Ricevi sulla tua mail notizia di tutte le nuove notizie pubblicate


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: