OMS Qualità dell'aria

Nuove linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la qualità dell’aria

100 società scientifiche nazionali ed internazionali chiedono ai governi di attuare drastiche politiche per la riduzione dell’inquinamento atmosferico, come indicato dalle Linee Guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità appena pubblicate.

Con una conferenza stampa l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha presentato oggi l’aggiornamento delle Linee Guida per la qualità dell’aria del 2005.

L’OMS rilascia periodicamente Linee Guida per aiutare i governi e la società civile a ridurre l’esposizione umana all’inquinamento atmosferico e ai suoi effetti negativi.

la registrazione della conferenza stampa di presentazione delle nuove linee guida

Le linee guida aggiornate, forniscono raccomandazioni relativamente a sei inquinanti atmosferici. Si concentrano, infatti, sui cosiddetti inquinanti classici, il particolato (PM2,5 e PM10), l’ozono (O3), il biossido di azoto (NO2), il biossido di zolfo (SO2) e il monossido di carbonio (CO). Quando si interviene per ridurre questi inquinanti si ha anche un impatto su altri inquinanti.

Sulla base delle ampie prove scientifiche attualmente disponibili, le linee guida individuano i livelli di qualità dell’aria necessari per proteggere la salute pubblica a livello mondiale.

I livelli indicativi per determinati inquinanti indicati dall’OMS possono essere utilizzati come riferimento documentato per aiutare i responsabili delle decisioni a fissare standard e obiettivi giuridicamente vincolanti per la gestione della qualità dell’aria a livello internazionale, nazionale e locale. Sono anche uno strumento pratico per concepire misure efficaci per ottenere emissioni inquinanti e riduzioni di concentrazione, e quindi per proteggere la salute umana.

le nuove linee guida in sintesi

Cosa c’è di nuovo in queste linee guida?

Dall’ultimo aggiornamento globale delle linee guida del 2005, si è registrato un netto aumento della qualità e della quantità di prove che dimostrano come l’inquinamento atmosferico influisca sui diversi aspetti della salute. Per questo motivo, e dopo una revisione sistematica delle prove accumulate, molti dei valori aggiornati sono ora inferiori a quelli indicati 15 anni fa. Ora vi sono anche informazioni più chiare sulle fonti di emissioni e sul contributo degli inquinanti atmosferici al carico globale di malattie.

Cos’è l’inquinamento atmosferico e dove si trovano questi inquinanti nella vita quotidiana?

L’inquinamento atmosferico è la contaminazione dell’aria che respiriamo da qualsiasi agente chimico, fisico o biologico che minaccia potenzialmente la salute umana e degli ecosistemi. Tra gli inquinanti che presentano le maggiori preoccupazioni per la salute pubblica figurano il particolato (PM), l’ozono (O3), il biossido di azoto (NO2) e il biossido di zolfo (SO2) e il monossido di carbonio (CO). I rischi per la salute associati al particolato di diametro inferiore o uguale a 2,5 micron (μm) (PM2.5) sono di particolare rilevanza per la salute pubblica. PM2.5 e PM10 sono in grado di penetrare in profondità nei polmoni e PM2.5 può anche entrare nel flusso sanguigno, principalmente con conseguente impatti cardiovascolari e respiratori. Nel 2013, l’inquinamento atmosferico esterno e il PM sono stati classificati come cancerogeni dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell’OMS.

L’inquinamento atmosferico deriva da numerose fonti di emissione, sia naturali che antropiche (derivanti dall’attività umana). Le principali fonti di inquinamento atmosferico di origine antropica possono variare geograficamente, ma comprendono il settore energetico, il settore dei trasporti, la cucina e il riscaldamento domestici, i siti di discarica, le attività industriali e l’agricoltura. Il processo di combustione è il maggior contributo all’inquinamento atmosferico, in particolare alla combustione inefficiente dei combustibili fossili e alla biomassa per generare energia.

Perché sono importanti le linee guida per proteggere la salute?

La quantità di malattie associate all’esposizione all’inquinamento ambientale e domestico è ampia e crescente. L’inquinamento atmosferico aumenta in particolare la morbilità e la mortalità dovute alle malattie cardiovascolari e respiratorie non trasmissibili, che sono le principali cause di mortalità globale; aumenta anche il carico di malattia da infezioni delle vie respiratorie più basse e aumenta il parto prematuro e altre cause di morte nei bambini e nei neonati, che rimangono una delle principali cause di malattia nei paesi a basso e medio reddito.

Le stime dell’OMS mostrano che circa 7 milioni di decessi prematuri, dovuti principalmente a malattie non trasmissibili, sono attribuibili agli effetti congiunti dell’inquinamento atmosferico ambientale e domestico. Le valutazioni globali dell’inquinamento atmosferico suggeriscono da sole centinaia di milioni di anni di vita sani persi, con il più grande carico di malattie attribuibile nei paesi a basso e medio reddito.

Sebbene la qualità del l’aria sia migliorata gradualmente nei paesi ad alto reddito, le concentrazioni di sostanze inquinanti superano ancora i livelli indicati dalle linee guida del l’OMS del 2005 per diverse sostanze inquinanti in molte aree, come certificato anche recentemente dall’Agenzia Europea per l’Ambiente per quanto riguarda il nostro Continente.

Più del 90% della popolazione mondiale nel 2019 viveva in aree in cui le concentrazioni superavano le linee guida per la qualità dell’aria dell’OMS del 2005 per l’esposizione a lungo termine al PM2,5. La qualità dell’aria si è generalmente deteriorata nella maggior parte dei paesi a basso e medio reddito, a causa dell’urbanizzazione su larga scala e dello sviluppo economico che ha fatto affidamento in gran parte sulla combustione inefficiente di combustibili fossili, come il carbone, nonché sull’uso inefficiente di combustibili residenziali e sull’industria. Tuttavia, le disparità nell’esposizione all’inquinamento atmosferico stanno aumentando in tutto il mondo, in particolare in quanto i paesi a basso e medio reddito stanno registrando livelli crescenti di inquinamento atmosferico.

Come è possibile utilizzare le linee guida?

Le linee guida forniscono orientamenti fondati e documentati per proteggere la salute pubblica dall’inquinamento atmosferico. Sebbene le linee guida non siano raccomandazioni giuridicamente vincolanti, possono essere utilizzate come strumento di riferimento per aiutare i decisori a fissare norme e obiettivi giuridicamente vincolanti per la gestione della qualità dell’aria a livello internazionale, nazionale e locale.

I ricercatori accademici e le autorità nazionali e locali che operano nel vasto settore dell’inquinamento atmosferico possono anche trovarli utili per la pianificazione e la valutazione d’impatto, e possono stimolare ulteriori attività di ricerca e monitoraggio.

In che modo la riduzione dell’inquinamento atmosferico favorisce anche l’azione per il clima?

Alcuni inquinanti atmosferici – in particolare il black carbon (una componente del PM) e l’ozono troposferico (a livello del suolo) – sono anch’essi inquinanti climatici di breve durata, legati sia agli effetti sulla salute che al riscaldamento a breve termine del pianeta. Essi persistono nell’atmosfera per pochi giorni o mesi e la loro riduzione ha co-benefici non solo per la salute, ma anche per il clima.

Quasi tutti gli sforzi per migliorare la qualità dell’aria possono migliorare la mitigazione del cambiamento climatico e gli sforzi per mitigare il cambiamento climatico possono, a loro volta, migliorare la qualità dell’aria. In particolare, la riduzione o l’eliminazione graduale della combustione dei combustibili fossili e della biomassa ridurrà le emissioni di gas a effetto serra e gli inquinanti atmosferici rilevanti per la salute. Promuovendo la sostenibilità ambientale insieme alla tutela della salute pubblica, possiamo compiere grandi passi verso la mitigazione del cambiamento climatico e il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il sostegno della comunità scientifica agli indirizzi dell’OMS

100 società scientifiche nazionali ed internazionali chiedono ai governi di attuare drastiche politiche per la riduzione dell’inquinamento atmosferico, come indicato dalle Linee Guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità appena pubblicate.

L’iniziativa guidata dall’International Society of Environmental Epidemiology (ISEE) e dalla European Respiratory Society (ERS) è stata sottoscritta da più di 40 società mediche e scientifiche di tutto il mondo, e in particolare da ben nove società scientifiche italiane di epidemiologia, pneumologia, immunologia, neurologia e pediatria. La dichiarazione congiunta sostiene convintamente le nuove linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS che secondo gli esperti dovrebbero essere usate come guida per l’adozione di politiche efficaci di qualità dell’aria e di riduzione delle emissioni a livello globale.

L’inquinamento atmosferico è un grande fattore di rischio per la salute umana, al quarto posto tra i principali fattori di rischio per le malattie e la mortalità globale, e al primo tra i fattori di rischio non individuali: è collegato alle principali malattie polmonari e cardiache, al diabete, al cancro, alla mortalità infantile, e le prove emergenti indicano effetti negativi sulla gravidanza, lo sviluppo cognitivo nei bambini, la demenza e la salute mentale, fino ad arrivare ad un incremento del rischio di morire per COVID-19.

In Italia, contribuisce con circa 50mila morti ogni anno secondo la Agenzia Europea per l’Ambiente, con un costo economico rilevante. Dunque, la riduzione dell’inquinamento atmosferico porterà non solo enormi e immediati miglioramenti nella salute e nella qualità della vita di tutti i cittadini, ma contribuirà anche a ridurre i costi sanitari sostenuti dalla società per il trattamento delle malattie legate all’inquinamento atmosferico.

“La pubblicazione dell’OMS invia un messaggio inequivocabile ai responsabili politici: un grande impegno della comunità scientifica ha consegnato evidenze solide e chiarissime, che – il prima possibile – devono essere trasferite in azioni concrete per la riduzione dell’inquinamento atmosferico “, ha commentato la dottoressa Lucia Bisceglia, presidente della Associazione Italiana di Epidemiologia.

“Tutti beneficeranno della riduzione dell’inquinamento atmosferico, e tutti dovrebbero contribuire alla sua riduzione, a partire da chi ha la responsabilità di elaborare le scelte politiche. Occorre un cambio di paradigma, però, non basta limitarsi a fissare nuovi limiti agli inquinanti: dall’abbandono dei combustibili fossili, alla riduzione della dipendenza dall’auto, riducendo i viaggi in auto e in aereo, cambiando le pratiche agricole e i comportamenti di consumo energetico – sono necessarie politiche ambiziose in tutti i settori per raggiungere ovunque una riduzione dell’inquinamento atmosferico. Deve essere sottolineato che una strategia complessiva di riduzione dell’inquinamento atmosferico, non ulteriormente rinviabile, si accompagna a molteplici ricadute positive, non solo in termini di riduzione di gas serra: promuovendo città più sostenibili, incentivando l’aumento del trasporto pubblico, della mobilità attiva e delle aree verdi, si incoraggia l’adozione di comportamenti e stili di vita salutari, in modo equo ed inclusivo. Le nuove linee guida sono un monito per i politici e per tutti noi, ma anche una preziosa opportunità di cambiamento: è questo il momento di agire per creare un ambiente e un pianeta sano.”

La dottoressa Carla Ancona, responsabile della Rete Italiana Ambiente e Salute con la promozione del Ministero della Salute ha detto: “Questo è un campanello d’allarme per i nostri politici. Le nuove linee guida dell’OMS rendono molto chiaro che anche bassi livelli di inquinamento atmosferico sono pericolosi e fanno ammalare le persone. Per affrontare gli effetti sulla salute dell’inquinamento atmosferico, sono necessarie azioni coraggiose sulla qualità dell’aria a tutti i livelli (nazionale, regionale, locale) e in tutti i settori (trasporti, energia, industria, agricoltura, residenziale). Abbiamo bisogno di ripensare a come possiamo ridurre efficacemente il carico di malattia dovuto all’inquinamento atmosferico. La dichiarazione congiunta della società scientifiche suggerisce una direzione concreta verso cui la legislazione dovrebbe muoversi senza ulteriori indugi”.

Le nuove linee guida dell’OMS mostrano che non c’è un livello sicuro di inquinamento atmosferico, poiché gli studi sull’argomento hanno dimostrato che ci sono danni alla salute umana anche ai più bassi livelli osservabili di esposizione. Sulla base di questo la dichiarazione sollecita i politici a:

– Rivedere la legislazione sull’aria pulita per abbassare i valori limite per PM2.5 e NO2 nelle località di maggiore concentrazione dell’inquinamento atmosferico e allinearli strettamente alle linee guida 2021 dell’OMS;

– Combinare i valori limite con l’attuazione di politiche vincolanti per una riduzione continua dei livelli medi di inquinamento in tutti i luoghi, e non solo nei punti di maggiore concentrazione dell’inquinamento, per ottenere un abbassamento progressivo delle esposizioni dell’intera popolazione;

– Implementare politiche per il miglioramento della qualità dell’aria e monitorarne efficacemente il rispetto, per proteggere e migliorare la salute pubblica e alimentare gli sforzi per la neutralità del clima.

La dichiarazione congiunta ha sottolineato l’importanza di un serio impegno che la politica, a tutti i livelli, deve assumere nei confronti delle linee guida 2021 dell’OMS e implementare di conseguenza ambiziose e urgenti politiche per un’aria pulita . Per proteggere l’ambiente, la salute pubblica, soprattutto le fasce più suscettibili della nostra popolazione dagli effetti nocivi dell’inquinamento atmosferico.

La dichiarazione è sostenuta dalle seguenti società italiane: Associazione Italiana Allergologi e Immunologi Territoriali ed Ospedalieri Associazione Culturale Pediatri; Associazione Italiana di Epidemiologia; Associazione Italiana Ictus; Società Italiana Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica Società Italiana di Pneumologia; Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili Società Italiana di Pediatria; Rete Italiana Ambiente e Salute

Print Friendly, PDF & Email

7 thoughts on “Nuove linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la qualità dell’aria

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: